CRI Italia  |  Login  |  Intranet
Contatti |  Newsletter  |  Donazioni
045 596 155 verona@cri.it
Slider

Cosa offriamo

Tanti sono i servizi a disposizione del cittadino, sotto alcuni servizi specifici, per qualsiasi altra richiesta si prega di compilare il modulo.


BLSD

Corsi/Rinnovi BLSD (Basic Life Support & Defibrillation) Accreditati

Manovre salvavita
pediatriche

Possibilità di richiedere Lezioni Gratuite dimostrative o Corsi.

face
painting

Possibilità di richiedere il servizio Face Painting per una festa od un evento.

Persone in prima persona.

Diventa anche Tu un Volontario della Croce Rossa Italiana.

News ed Eventi

Summer Camp

Sei pronto per una vacanza diversa? scopri il nostro campo estivo! Se sei nato tra il 2001 ed il 2004 Read More

Croce Rossa Verona incontra il Sindaco Sboarina

Martedi 29 maggio in Sala Arazzi di Palazzo Barbieri il Sindaco di Verona Avv. Federico Sboarina ha incontrato una rappresentanza Read More
  • 1
  • 2

TU doni il 5 e NOI il 1000 a CHI ne ha bisogno.

Aiutaci ad Aiutare - Dona il tuo 5x1000 a Croce Rossa Italiana Comitato di Verona
La tua firma per aiutarci a salvare una vita

C.F. 04223440233

Il nostro 2017

51084
Ore di servizio
6098
Servizi ambulanza
1200
Persone assistite
443
Volontari
77980
Km percorsi

 

La storia della Croce Rossa

Le origini.

 

 

Secolo XIX
Jean Henry Dunant e il Convegno di Ginevra

Il 24 giugno 1859, 2a guerra di indipendenza italiana, una delle battaglie più sanguinose del 1800 si consumò sulle colline a sud del Lago di Garda, a San Martino e Solferino. Trecentomila soldati di tre eserciti (Francese, Sardo-Piemontese e Austriaco) si scontrano lasciando sul terreno circa centomila fra morti, feriti e dispersi. Castiglione delle Stiviere è il paese più vicino, 6 chilometri da Solferino, dove esisteva già un ospedale e la possibilità di accedere all’acqua, elemento fondamentale nel soccorso improvvisato ai novemila feriti che, nei primi 3 giorni, vennero appunto trasportati a Castiglione. Lì si trovava un giovane svizzero, Jean Henry Dunant, venuto ad incontrare per i suoi affari Napoleone III. Egli si trovò coinvolto nel terribile macello, aggravato dall’inesistenza della sanità militare, e descrisse il tutto mirabilmente nel suo testo fondamentale: Un Souvenir de Solferino, tradotto in più di 20 lingue. Dall’orribile spettacolo nacque in H. Dunant l’idea di creare una squadra di infermieri volontari preparati la cui opera potesse dare un apporto fondamentale alla sanità militare: la Croce Rossa. Dal Convegno di Ginevra del 1863 (26-29 ottobre) nacquero le società nazionali di Croce Rossa, la quinta a formarsi fu quella italiana. Nella 1a Conferenza diplomatica di Ginevra che terminò con la firma della Prima Convenzione di Ginevra (8-22 agosto 1864) fu sancita la neutralità delle strutture e del personale sanitario.Ferdinando Palasciano, illustre clinico italiano aveva fino dall’Aprile del 1861 sostenuto l’idea della neutralità dei feriti e la moltiplicazione senza limiti dei servizi sanitari. Il fondatore della Croce Rossa Italiana è il medico milanese Cesare Castiglioni ed il primo Comitato italiano è quello di Milano nato il 15 giugno 1864.

La Croce Rossa Italiana

Il 22 agosto 1864 nasce la Croce Rossa. La croce rossa su sfondo bianco viene adottata quale simbolo di protezione e neutralità riconosciuto a livello internazionale. L’emblema, privo di significato religioso, è scelto invertendo i colori federali della bandiera svizzera, in omaggio al paese ospitante. In seguito la Croce Rossa si è sviluppata e ha iniziato ad assistere e proteggere i civili in tempo di guerra e di pace, in caso di catastrofi, calamità e nell’assistenza ordinaria ai malati.

Seguici sui nostri Social!

Molti i canali per poter rimanere sempre in contatto.